Bolivia, ci avevi mai pensato?

Bolivia : un Paese da scoprire

Nel mio studio dei Paesi del Centro Sud America , mi ha molto incuriosito la Bolivia.
Un grande Paese senza sbocco sull’Oceano e sicuramente uno dei più poveri e arretrati dell’America Latina che, forse proprio per questo, è riuscito a preservare la sua unicità e le sue ricchezze naturalistiche e culturali.
Confina con il Perù ed il Cile e ancora con Argentina, Brasile e Paraguay .

Presenta una grande varietà di paesaggi ed ecosistemi , passando dalle Ande agli altopiani con un’altezza media sui 3500m  ed una zona pianeggiante nel sud est del Paese molto ricca di corsi d’acqua e per questo molto florida. 

Qui il richiamo di Pachamama (Madre Terra) è molto forte e si avverte ben chiaro .

Dal punto di vista archeologico non è di certo paragonabile al vicino Perù ma ciò non toglie che gli aspetti antropologici e le testimonianze storiche in questo Paese lo rendono una meta molto interessante anche per chi ad un viaggio chiede qualcosa in più!

Quando andare in Bolivia?

La nostra estate è la stagione perfetta per andare mentre è meglio evitare il periodo da dicembre a febbraio per le piogge sugli altipiani andini.

Nel periodo febbraio-aprile si concentrano gli eventi folcloristi e religiosi più importanti per approfondire e conoscere da vicino gli aspetti etnico-culturali di questo grande Paese (quanto Germania , Francia e Italia insieme).

Come dicevo sopra, il suo relativo isolamento e l’influenza Incas e di altre culture indigene, grazie anche l’influenza spagnola, hanno creato un mosaico di tradizioni popolari molto ricco e variegato.

Alcuni eventi in particolare sono entrati a far parte del patrimonio immateriale dell’Unesco, come per esempio “El Carneval de Oruro” fantasmagorica rappresentazione in costume delle più importanti scuole di ballo del Paese (Corsos) che animano le strade di Oruro – ma anche a La Paz c’è un carnevale molto famoso- dall’alba al tramonto.

Folklore sudamericano

Folklore sudamericano, dal libro al viaggio

Bolivia, dal libro al viaggio

Dal Carnevale si passa poi alle feste religiose : San Josè il 19.03 ; la Pasqua con riti e processioni. E poi ancora festival di musica barocca in onore delle missioni Gesuite; Festa della liberazione dalle truppe spagnole ,ce n’è davvero per tutti i gusti.

Cosa non potrà proprio mancare in un viaggio in Bolivia ?

Sicuramente Sucre e Potosì : Sucre perché prima capitale boliviana che mantiene ancora splendidi edifici storici e Potosí perché è la città più alta del mondo e con il primato di avere un gran numero di miniere di argento tanto che è stata considerata a lungo la città più ricca del mondo!
Nel 1650 un censimento dell’epoca attribuiva alla città di Potosí ben 160.000 abitanti : era un delle città più grandi e ricche del mondo.
Fu a lungo un punto nevralgico del regno spagnolo.
Sicuramente non potrà mancare una visita al Salar de Uyuni la più grande distesa di deserto salato della terra.

Bolivia, dal libro al viaggio

Bolivia, dal libro al viaggio

E le immagini parlano da sole…Credo sia un’esperienza che da sola vale il viaggio. Si trova nella parte sud-occidentale della Bolivia nei pressi di Potosí e Ururo  e vicino Uyuni a ben 3.650 m di altitudine.

Bolivia, dal libro al viaggio

Naturalmente un viaggio in Bolivia è tanto altro e molto di più : è una meta che non si sceglie a caso ma con l’intento ben preciso di conoscere una meta per veri viaggiatori.

Bolivia, dal libro al viaggio

Bolivia, dal libro al viaggio

Bolivia, dal libro al viaggio

Tantissimo altro quindi ci sarebbe da dire ma il mio intento qui era solo quello di stuzzicare la tua curiosità.
Ci sono riuscita? Vuoi conoscere alcune proposte per questa meta per intenditori?

SCRIVIMI QUI 

Oppure comincia a sognare qui—–> BOLIVIA 

Default image
Daniela Cavallo
Articles: 31

Iscriviti alla Newsletter

Rimani in contatto con le ultime ispirazioni di viaggio e lettura.

Leave a Reply